SAN VALENTINO – Rosa di gamberoni rossi, cremoso di pomodoro, culis di basilico e burro alla rosa

Le ricorrenze

Ingredienti per 4 persone

  • 2 etti di gamberi rossi
  • 1 mazzetto di basilico
  • 80 gr di burro
  • 30 gr di essenza di rosa
  • Paté di pomodori secchi Guido1860
  • 200 gr di pasta fresca
  • Olio Extravergine Armonie Guido1860
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Prodotti consigliati per questa ricetta

Guida alla preparazione della ricetta

Preparazione del burro alla rosa:
Mettete il burro a sciogliere in un pentolino a fuoco molto gentile.
Appena il burro si sarà sciolto, aggiungete i boccioli di rosa e lasciate riposare.

Pulite i gamberi, facendo attenzione ad eliminare il loro budellino, quindi tagliateli a pezzettini sino ad ottenere un trito piuttosto fine ed uniforme e poneteli in una ciotola.
Condite il trito di gamberi con un pizzico di sale, una grattata di pepe ed un filo di olio extravergine Armonie ed amalgamate bene il tutto.
Per realizzare le “rose”, prendete la pasta e tiratela bene con la macchina, sino ad ottenere un foglio di pasta molto sottile e ponetela sul tagliere; posizionate per la lunghezza del foglio di pasta il composto di gamberi, aiutandovi con la punta di un coltello, sollevate un lembo del foglio di pasta e risvoltatelo sul composto per racchiuderlo all’interno, eliminando tutta l’aria e quindi schiacciando leggermente il tutto per far aderire bene l’impasto di gamberi alla pasta. Con l’aiuto di una rotella, tagliate i bordi che avanzano, facendo però attenzione che il tutto sia ben sigillato: a questo punto, arrotolate su se stesso il “salsicciotto” di pasta e lasciatelo a riposare in maniera che si essichi appena un poco.

Preparazione della culis al basilico:
Spiumate il mazzetto di basilico, tenendo appunto solo le foglie e mettendo da parte le “cimette” che utilizzerete per la decorazione.
Ponete le foglie di basilico in un contenitore adatto al frullatore ad immersione e aggiungetevi l’olio extravergine Armonie, sino ad ottenere una salsa piuttosto liscia; versate la salsa di basilico in un recipiente, avendo cura di farla filtrare attraverso un colino per eliminare la fibra, aggiungendo una punta di addensante, un pizzico di sale, sbattendo il composto con una frusta ottenendo così la culis di basilico.
Ponete un padellino con dell’acqua sul fuoco e portatela ad ebollizione; successivamente ponete nell’acqua, molto delicatamente, la rosa di pasta e gamberi che avevate messo da parte ed agitate lentamente l’acqua intorno ad essa e lasciatela appena scottare in modo che la pasta si cuocia, ma che il composto dei gamberi resti appena sbollentato.

Per l’impiattamento, prendete il paté di pomodori e con l’aiuto di un pennello, distribuitelo sul fondo del piatto, appoggiate al centro la rosa di pasta e gamberi e guarnitela con i boccioli di rosa, completate la decorazione con i ciuffetti di basilico, con un cucchiaio prendete la culis di basilico e fatela colare sul piatto a vostro piacere, prendete ora il burro fuso alla rosa e condite, aggiungendo un po’ di tartare di gamberi.
Per finire una grattata di pepe.

Condividi questa ricetta con chi vuoi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

PER UN ABBINAMENTO IDEALE, STEFANO CALLEGARO CONSIGLIA:

Pouilly-Fumé de Ladoucette POUILLY-FUMÈ DE LADOUCETTE

Un vino che si può tranquillamente conservare per 4-5 anni, vinificato nel Castello di Nozet. Il colore è oro con riflessi verdolini. Al naso il bouquet è ricco e dominato da frutti gialli maturi, fiori bianchi e nuances di acacia. Al palato si caratterizza per il suo frutto pieno e delicato. Il gusto strutturato e solido si accompagna ad una vivace freschezza.

(distribuito da Sagna S.p.A. – www.sagna.it)

Curiosità e approfondimenti

La Storia, le storie e l'attualità.